Visita Fisiatrica

La Fisiatria si occupa della diagnosi, terapia e riabilitazione delle disabilità generate da patologie, congenite o acquisite.

In che cosa consiste la visita, come si svolge e quanto dura?
Si tratta di una valutazione funzionale della persona che dopo la raccolta delle notizie da parte della stessa e l’esame dell’eventuale documentazione viene eseguita sia attraverso l’esame medico delle parti del corpo interessate sia attraverso l’osservazione delle modalità con cui la persona esaminata esegue attività diverse a seconda del motivo per cui viene valutata. La visita può durare da 30 a 60 minuti.

Quando deve essere richiesta?
La visita fisiatrica è indicata in tutte le condizioni di menomazioni funzionali causate da eventi traumatici da ogni causa, condizioni dolorose (mal di schiena, malattie reumatiche, patologie discali, dolori cronici etc.), o patologie neurologiche (ictus, malattie degenerative, Sclerosi Multipla, neuropatie periferiche, patologie del midollo ed ogni altra condizione neurologica invalidante). La valutazione fisiatrica è utile anche in caso di scoliosi o di alterazioni dell’allineamento posturale.

Come il paziente deve prepararsi per la visita?
Non è richiesta alcuna preparazione particolare se non la raccolta della eventuale documentazione sanitaria inerente il problema che causa la visita.

Perché è importante effettuarla?
Il Fisiatra è il medico in grado di fare la diagnosi corretta, di stabilire i margini di miglioramento (prognosi funzionale) e di progettare assieme al paziente l’insieme delle terapie (cinesiterapia, neuroriabilitazione, riabilitazione cognitiva, logopedia, terapia fisica, terapia farmacologica, integrazione alimentare, adozione di ortesi o ausili) appropriate per il raggiungimento del maggior livello funzionale possibile.

Specialista